Kingston - capitale della Giamaica e vivace centro caraibico

Nella dinamica capitale della Giamaica, situata nella costa sud-est, vivono 696.773 persone (Statinja, 2018),  e questo ne fa più grande città anglofona dei Caraibi.
È il centro politico, economico e culturale della regione e un importante porto commerciale per tutti i Caraibi.

info Icon

Lo sapevi che..?

I giamaicani vanno al Kingston Dub Club ogni domenica sera per ascolatre musica e godersi un bellissimo panorama di Kingston, con i suoi edifici coloniali, il porto e la costa.

Devon House

Storia, artigianato artistico e il miglior gelato della Giamaica si trovano nel magnifico parco di Devon House. Primo milionario di pelle scura della Giamaica, George Stiebel, fece costruire il palazzo neoclassico nel 1881. Arredato con mobili e dipinti del XIX secolo, le stanze testimoniano la vita privilegiata in epoca vittoriana. I fabbricati agricoli di un tempo oggi ospitano atelier di artigiani, negozi di souvenir, ristoranti, caffè e la miglior gelateria della Giamaica.

 

Museo di Bob Marley

Da Kingston il reggae iniziò la sua marcia trionfale per arrivare in tutto il mondo. Al più importante esponente e cofondatore del reggae, Bob Marley, è dedicato un museo in quella che era la sua dimora nel distretto di New Kingston.
Nel Bob Marley Museum vi sono numerosi oggetti che ricordano la vita di Marley, compresi i suoi dischi di platino, alcune insolite chitarre e una riscostruzione dell'umile capanna in cui Marley un tempo visse.

Bob Marley Museum
Bob Marley Museum

National Gallery

Un'eccellente panoramica dell'arte giamaicana e caraibica è offerta dalla National Gallery, sul lungomare. Dipinti, disegni e sculture moderne e contemporanee sono il punto forte della collezione permanente del museo. Il negozio del museo sostiene gli artisti locali con la vendita di riproduzioni, libri e oggetti d‘artigianato.

 

Hope Botanical Gardens

Nella periferia di New Kingston si trovano gli Hope Botanical Gardens. Con una superficie di 81 ettari, sono considerati il più grande giardino botanico dei Caraibi. Qui crescono quasi tutte le piante tropicali della Giamaica e dei Caraibi, come le orchidee, le buganvillee, le palme da cocco e l‘albero nazionale giamaicano, l'ibisco "Blue Mahoe". I suoi fiori si schiudono di mattina e sono di un giallo sgargiante, mentre nel corso della giornata il loro colore varia dall’arancio fino ad arrivare al rosso inteso della sera

 

  • Giddy House - Port Royal
    Giddy House - Port Royal
  • Kingston National Heroes Park
    Kingston National Heroes Park

Port Royal

Alla fine dell’ampia baia naturale di Kingston, a circa 20 km dal centro della città, è situato Port Royal, oggi un tranquillo villaggio di pescatori dove si trovano buoni ristoranti - ed una storia emozionante. Nel XVII secolo Port Royal era un‘attiva città portuale, animata da mercanti e pirati - tra cui il famigerato Henry Morgan – ed era uno dei porti più ricchi dei Caraibi. Nel 1692 un violento terremoto fece sprofondare gran parte della città in mare. Oggi, nell‘ancora ben conservato Fort Charles, si trova un‘interessante mostra sulla storia di Port Royal e sulla "Giddy House", per metà affondata nella sabbia. Port Royal è molto conosciuto per essere stato scelto come set cinematografico: qui hanno girato parte di “Pirati dei Caraibi" e di "James Bond, 007: Licenza di Uccidere".

 

Port Antonio - Giamaica più rilassata

LA PICCOLA CITTÀ PORTUALE GARANTISCE RIPOSO, RELAX E NATURA ED E' LA BASE PERFETTA PER ESPLORARE LA REGIONE. VIENE SCELTA PRINCIPALMENTE DA TURISTI CHE EVITANO GLI ALL-INCLUSIVE E CHE PREDILIGONO METE MENO BATTUTE.

Ville riccamente decorate testimoniano il tempo in cui Port Antonio era il principale porto della Giamaica per il commercio delle banane, nonché la destinazione turistica di stelle del cinema come Errol Flynn e musicisti come Harry Belafonte. Nel dinamico Musgrave Market, in centro, ci sono prelibatezze come il “jelly“, succo di cocco ghiacciato.

 

Blue Lagoon

Nei film "Laguna Blu" e "Cocktail" è stata la protagonista indiscussa: si tratta della Blue Lagoon che si trova ad est di Port Antonio. Lì i visitatori possono fare il bagno nelle acque blu scintillanti come i giovani Brooke Shields e Tom Cruise. La laguna è di forma circolare e, come una piscina naturale, è anche alimentata da sorgenti sotterranee oltre che dalle correnti marine. La sua riva è ricoperta da una fitta vegetazione, dagli alberi tropicali ai cespugli fioriti.

 

Frenchman's Cove

Un po‘ nascosta nella parte orientale di Port Antonio si trova questa spiaggia da sogno, spesso deserta, che di frequente è stata usata da fotografi pubblicitari e registi come perfetta cornice per scatti paradisiaci. La sua sabbia fine si estende lungo una dolce pendenza per una dozzina di metri prima di buttarsi nel mare cristallino e di lato è lambita dalle acque di un tranquillo fiumiciattolo che si tuffa in mare.

 

Blue Mountains

Le imponenti Blue Mountains si estendono nell'entroterra alle spalle di Port Antonio e culminano con il Blue Mountain Peak, alto 2.256 m.

Insieme alle John Crow Mountains, che si collegano alle precedenti da est, formano il più grande parco nazionale della Giamaica, che dal 2015 è entrato a far parte del patrimonio mondiale dell'UNESCO.

 

Le Blue Mountains, per via dell‘elevato numero endemico di flora e fauna, presente solo lì, sono ritenute dal WWF un habitat biologico terrestre di inestimabile valore.

 

Decine di piste ciclabili e sentieri attraversano le montagne, patria delle farfalle giganti. La catena montuosa lunga 45 km e situata nella zona orientale della Giamaica deve il suo nome, tra l‘altro, al velo di foschia blu che l‘avvolge ogni mattina. Da provare assolutamente il caffè Blue Mountain che cresce lì, una delle migliori varietà di caffè al mondo.

info Icon

Rio Grande Rafting

Nell'entroterra di Port Antonio si estende la Valle del Rio Grande, un paesaggio fluviale tropicale che può essere esplorato su zattere di bambù. Il percorso sul Rio Grande, lungo 10 chilometri e della durata di circa due ore, conduce attraverso gole verdi, antichi banchi di sabbia e piccoli villaggi. Durante il viaggio sono previste diverse soste per nuotare e fare un picnic.

 

  • Rio Grande
    Rio Grande
  • Blue Lagoon
    Blue Lagoon
  • Trident castle
    Trident castle
  • Frenchman's Cove
     Frenchman's Cove

Boston Bay

La piccola località balneare a est di Port Antonio è considerata l’originaria roccaforte della cucina tipica giamaicana, la cucina Jerk. Per questi piatti la carne (di solito pollo o maiale) viene marinata con uno speciale miscela di aromi, tra cui pimento, cannella e noce moscata, e poi viene cotta lentamente alla griglia su un fuoco all‘aperto. Si dice che i Maroons, schiavi fuggiti dai coloni e resisi liberi, abbiano introdotto la cucina Jerk nel XVII secolo.